Mario Monti annuncia “il graduale spostamento dell’asse del prelievo dalle imposte dirette a quelle indirette”.

Ah! L’iva! Suona un po’ come una resa all’evasione, nonostante le apparenze. Sembra proprio che per Mario Monti l’equità fiscale sia da intendere come una tassa uguale per tutti. Ma Napolitano non poteva continuare a fare il comunista? Per quanto riguarda i paradisi fiscali c’è il piccolo neo (piccolo eh!) che l’Italia è l’unico paese che ancora non ha fatto un accordo con la svizzera. Ce lo aspettiamo in futuro con l’esclusione dell’evasione No Profit: è sufficiente dimostrare che il capitale all’estero è reinvestito in altro capitale all’estero.

via Riforma del fisco, Monti: “Spostamento da imposte dirette a imposte indirette” | Redazione Il Fatto Quotidiano | Il Fatto Quotidiano.

Annunci