Del primo iniziano a rinvenirsi delle tracce, pur rimanendo prudenti, del secondo ancora niente. Che sia sbagliata l’ipotesi?

Il bosone di Higgs» è all’origine della manifestazione della massa e la conferma della sua esistenza potrebbe far compiere passi avanti nelle Teorie di unificazione, già verificate per le forze nucleari ed elettromagnetiche ma che escludono ancora la gravità. La ricerca è stata condotta da due squadre differenti (con gli esperimenti denominati Atlas e Cms) ciascuno all’oscuro dei risultati dell’altro. Entrambe hanno lavorato in collaborazione con il Cern e con l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare vicino a Ginevra. La Gianotti, che fa parte della squadra Atlas, ha dichiarato che l’intervallo in cui con maggiori probabilità si potrebbe rinvenire il bosone di Higgs, si trova ai livelli di energia più bassi: tra 124 e 126 miliardi di elettronvolt (GeV), ciascuno con uno scarto compreso fra 2,5 e 3 deviazioni standard.

via Bosone di Higgs, c’è l’impronta della «particella di Dio» – Corriere della Sera.

Annunci