Potrebbe sembrare ironia ma è realtà, una realtà ironica per voler essere gentili.  Alla Bocconi almeno insegnano a mantenerne la parola data. Il premier Monti Mario è sempre fedele, a ciò che dice, infatti aveva dichiarato in merito all’Ici (imu) sugli immobili della chiesa: “è una questione che non ci siamo ancora posti”.

Si tratta della commissione bilancio che non ha discusso gli emendamenti radicali, è vero, ma le possibilità che il governo cambi qualcosa di sua propria iniziativa è molto remota. Gli emendamenti poi sono addirittura spariti all’inizio. Con tutto quello che hanno da fare i parlamentari qualche foglio deve essere stato dimenticato in qualche corridoio. Cose che capitano quando si lavora alacremente.

Quattro emendamenti radicali, che chiedevano la tassazione degli immobili di proprietà ecclesiastica “non dedicati esclusivamente ad attività di culto o sociali”, sono prima spariti dal fascicolo, poi sono ricomparsi, ma non sono stati né discussi né votati dalla commissione bilancio della Camera. Il fatto è stato denunciato da Maurizio Turco, che ha anticipato che li ripresenterà in occasione della discussione in aula, “insieme a un odg per impegnare il governo a rispettare le direttive comunitarie”.

viaIci e Chiesa, la commissione bilancio non discute gli emendamenti radicali – UAAR Ultimissime.

Annunci