Anche se qualcuno fa di tutto per riportarci indietro. Sembra che qualunque azione se giustificata da qualche religione sia scusabile.

La Cassazione, con la sentenza 43646/11 ha sancito che è un “errore scusabile” non ricorrere al medico per far circoncidere un bambino causando a quest’ultimo una emorragia grave. La Corte ha trattato il caso di una donna di origine africana che ha fatto praticare la circoncisione del figlio ad un uomo, che non era medico. Il neonato, di otto mesi, aveva perso molto sangue ed era stato portato all’ospedale. Dove la donna aveva candidamente ammesso le sue responsabilità.

via Cassazione: “Circoncisione, mancato ricorso al medico è scusabile” – UAAR Ultimissime.

Annunci