Violenza sulle donne

Accade in Bagladesh. Nelle poche parole c’è tutto: una tradizione arcaica, tribale e violenta dove le donne sono considerate merce da vendere o da utilizzare. Ora facciamo mente locale per immaginare per quanti secoli, forse millenni, si sono ripetuti atti di questo tipo in modo sistematico, sociale, organizzato, giustificato anche dalle religioni. La domanda di conseguenza è la seguente: quanto può aver influito questo tipo di selezione sessuale?

“Mio marito era arrabbiato perché la mia famiglia non aveva una dote, mentre lui l’aveva chiesta. Mi disse che avrebbe voluto vendermi in Arabia Saudita. Quando rifiutai mi gettò l’acido addosso e fuggì” La ragazza aveva 17 anni.

Seventeen-year-old Neela Khatunis is one of more than 2,700 victims of acid attacks in Bangladesh over the past 10 years. ‘My husband was angry … because he claimed a dowry but my family couldn’t provide one,’ she says. ‘His plan was to sell me in Saudi Arabia – when I refused he threw acid on me then he fled’

Le foto del Guardian, con le storie che hanno dell’incredibile, pur essendo sin troppo reali.
Costrette a sposarsi a 12 anni, sfigurate perché hanno rifiutato un pretendente. La domanda è sempre la stessa: quella sopra.

Via RDF.

Annunci