Anche in Italia le spese per la difesa sono intoccabili, innominabili, quasi sacre anche in questi giorni di crisi economica a strapiombo sul burrone. Si possono toccare le pubbliche amministrazioni per altro non propriamente meritevoli per economicità, le pensioni, cercare di fare cassa con l’Iva, con i ticket sanitari, qualche condono, ma le spese militari sono una specie di porto franco. Negli anni infatti sono sempre rimaste costanti nonostante il cambiamento dei governi, a volte cresciute e incidono molto sul PIL.

Come si vede sia i dati del SIPRI, che tengono conto del Bilancio complessivo della Difesa includendo pensioni e fondi per i Carabinieri e non solo della voce Funzione Difesa, sia i dati della NATO (che aggregano le spese militari, senza guardare a che ministero appartengono) dimostrano che la nostra spesa si aggira intorno al 2% del Pil (mentre, come vedremo, impieghiamo solo lo 2,7% del Pil per politiche sociali e ambiente). Continua su Banca Etica

E il mal comune è un mal comune, il mezzo gaudio è solo ironia.

Il colossale 4,7% annuale della ricchezza che gli USA destinano alla difesa e alle spese per la sicurezza (vagamente definite) – più del doppio della media europea – è una componente di enorme importanza per l’indebitamento degli Stati Uniti. C’è un vuoto assoluto della menzione di questo fatto nei media mainstream. Sembra essere una cosa simile a “I Nuovi Vestiti dell’Imperatore”. È l’unico settore di spesa che gli xenofobi guerrafondai del Tea Party vogliono incrementare, e l’esistenza dell’Impero fa sì che tutti politici in carriera si sfidino nelle manifestazioni pubbliche del patriottismo. Questo avviene in politica dall’alba dei tempi. La spesa per la difesa è una mucca sacra, innominabile negli Stati Uniti. Probabilmente hanno ancora a disposizione due decenni per rendersi pienamente conto che non saranno più in grado di invadere chicchessia per controllare le loro risorse minerarie come di altre materie prime. Come nel caso dell’impero britannico, lo scarafaggio con la schiena a terra scalcerà ancora per un po’. Sarà una cosa davvero spaventosa per gli altri. Continua su ComeDonChisotte

Annunci