Fantastici, si fa per dire

Anzi diciamo sempre e solo due, ho il timore. E’ sufficiente tornare indietro negli anni per accorgersi che Lendl non vinceva sull’erba, mai Wimbledon, che Edberg non vinceva sulla terra, mai al Roland Garros. Boris Becker non faceva differenza. Oggi tra palle pesanti, terra più veloce, ed erba più lenta seminata a loietto i primi quattro sono sempre i primi quattro, anzi forse sempre e solo due. L’adagio di attenti a quei due con la differenza che ci sta per essere un cambio di generazione. Nadal e Federer sembra che stiano lasciando il passo, li incalzano Djokovic e Murray (caviglia permettendo ma può sempre fare l’uomo gomma). Quanti ne volevate? Poi quando si entra nei negozi si rischia di sbagliare marca. Due sono già in semifinale, ora aspettiamo gli altri che hanno due partitone, anzi una. Quella difficile ce l’ha solo Nadal se non fosse per le caviglie.

Annunci