Stop Wawrinka! C'è la bella copia!

Articolo pubblicato su pianetatennis.com

I precedenti non lasciavano molto da sperare per l’altro svizzero Stanislas Wawrinka: con la sconfitta di oggi gli scontri diretti sono a vantaggio di Federer per nove vittorie su dieci incontri, tre a zero nell’ultimo anno, all’Australian Open, Indian Wells e ora a Parigi. Nel primo set è stata sufficiente una palla break trasformata per permettere allo svizzero numero uno, quello vero, di chiudere il set per 63. Il secondo set invece va via ancora in modo più semplice per Roger che riesce a vincerlo per 62. Nel terzo invece Stanislas decide di mettere in mostra le proprie capacità tennistiche e riesce a strappare il servizio al connazionale, il quale però forse indispettito dall’affronto si riprende subito il break e strappa il servizio a Wawrinka, senza farsi sfuggire il match servendo in chiusura del terzo set. Tutto sommato è stata una partita incolore a tratti abbellita da qualche gesto tecnico senza emozione. Roger Federer accede ai quarti di finale del Roland Garros superando il record di Jimmy Connor di 27 quarti di finale nei tornei dello slam. Ora il record è di 28. Un dato indicativo è quello relativo alla prima di servizio di Stanislas Wawrinka che chiude il match con una percentuale di punti vinti del 64% la stessa che Federer ha avuto con la seconda, mentre la sua prima si è attestata all’ 84%. Risultato finale ghiacciato nonostante il sole: 63, 64, 75. Lo svizzero affronterà il vincente tra david Ferrer e Gael Monfils, speriamo in una partita più caliente.

Un’altra partita “appassionante” si è giocata oggi sul Philippe Chatrier. Il favorito numero 2 Novak Djokovic compie un altro passo verso il record di John Mcenroe. Nole gioca in spinta e per cercare di tenere la ruota del serbo il francese commette troppi errori non forzati: ventitre sono troppi anche se si ha dei dubbi su come li segnano e inoltre se li ha segnati la stessa persona il criterio dovrebbe essere più o meno equipollente e a Novak ne sono stati attribuiti solo 11 quando la partita era sul 64,64, 41 per Djokovic. Disastrosa poi la statistica sul numero di punti sulla prima palla: Richard si attesta sul 64% con la prime e un misero 48% con la seconda. Il serbo invece sfiora il 90% dei punti vinti con la prima palla (89%, per la precisione), mentre la sua seconda palla gli ha permesso di vincere il 67% dei punti, più di quelli che è riuscito a vincere il francese con la prima. Molto dell’andamento del match risiede in questi numeri. La differenza dei punti vinti è stata oltre modo evidente con più di 30 punti di differenza vinti tra i due tennisti: I primi due set finiscono con un punteggio identico di 64 per il serbo, mentre nel terzo Gasquet si disunisce finendo per perderlo 62. Finale 64, 64, 62 per Novak. Novak Djokovic incontrerà nei quarti di finale l’italiano Fabio Fognini, ammesso che l’infortunio consenta all’italiano di scendere in campo.

Annunci