Patrick Rafter

“Ha visto che pregare funziona?!”

“Era comunque intuibile che Murray avrebbe vinto.”

“A parte il fatto che mi è toccato mandare un paio di persone nella camera di albergo di Dologochi a fare qualche cambio, comunque non mi riferivo a Murray, ma all’infortunio di Nadal.”

“Capisco, ingegnere. In effetti ci è andata bene.”

“Meglio Ferrer. O no?”

“Sì, sì, certo, meglio Ferrer di Nadal. Anche se…”

“Con quella sua Prince coi buchi. Quant’è che non vince la Prince?”

“Tra gli uomini? Non saprei…dai tempi di Pat Rafter?”

“Preistoria.”

“Beh, sì qualche anno fa.”

“Ecco, invece noi abbiamo due uomini in semifinale. Questa volta il titolo non ci sfugge. Sia fiducioso.”

“Sono sempre stato fiducioso. Si figuri lo ero anche quando prendemmo Ljubicic, che provò più di 70 racchette prima di mandare in confusione totale anche i nostri ingegneri.”

“Questo è disfattismo! Ljubicic non è mai stato un buon manico.”

“E’ quello che sostenni anche io al tempo. E’ il manico che conta non la racchetta.”

“Ecco appunto, e questo manda in vacca tutti gli studi che ho fatto.”

“Quindi? Speriamo?!”

“Preghiamo.”

Annunci