Lost in traslation. C’è sempre il rischio di prendere il dente sbagliato o l’occhio di un altro. In un banale errore di traduzione vanno a infrangersi i precoci e incontrollati sfoghi razzisti e xenofobi di una parte della bergamasca. Ce ne deve essere stato qualcuno anche nella Bibbia: “una giovane donna avrà un figlio” tradotto con “una vergine” per esempio. Cose di questo tipo fanno parte della tradizione ormai e guai a chi tocca la tradizione, anche se sbagliata. Se fondassimo la nostra società solo sul valore della tradizione ci sarebbe ancora la schiavitù: c’è stata talmente tanti anni (secoli, millenni) che era parte sicuramente della consuetudine dell’umanità. Qualcuno ancora oggi sembra ricordarsene molto bene.
Yara, sono deboli gli indizi contro il marocchino Fikri. Verso scarcerazione – Corriere della Sera

Annunci