Rafael Nadal, le ciocche sono andate a ruba

La Pennetta non ce la fa nemmeno stavolta e sembra che non riesca a raggiungere i suoi limiti, che a sembrerebbe riduttivo fissare alla realtà che la vuole al confine del terzo turno degli slam. Perde dalla Peer. E’ comunque un accadimento, un fatto, l’unico elemento in grado di fornire la fiducia necessaria  aun giocatore per progredire sul confine del limite. Senza un riscontro, una vittoria, un fenomeno nell’accezione di puro accadimento, il rischio è quello di rimanere ancorati al di sotto dei proprie potenzialità, con la conseguenza di non riuscire a scoprire le proprie possibilità, mai. Non è sicuramente questo il caso di Francesca Schiavone che, con la vittoria di Parigi, ha sicuramente  acquisito una diversa consapevolezza in se stessa. Sconfigge la Bondarenko 6-1, 7-5.

Tra i ragazzi Nadal non sembra molto informa. Sarà dovuto al fatto che si è tagliato i capelli e le ciocche sono state raccolte dalle sue fan come cimelio. La mitologia è sempre in agguato, pronta a trasformare ogni concetto. Lo spagnolo vince in tre set con Istomin, ma gli servono un tie break e un set termina 7-5. Non vorrei faccia come il mito di Sansone, perché i capelli ricrescono in media un centimetro al mese e rischia di non fare in tempo per la finale.

Murray avanza per ora in silenzio, in sordina…vince contro Brown 7-5,6-2,6-0.

Pianeta Tennis – US OPEN – Delusione Pennetta, eliminata dalla Peer

Ubitennis – Schiavone alla Federer!

Annunci