Il Vaticano nell’ultima presa di posizione sui casi di pedofilia non perde occasione per fare confusione, o quantomeno di lasciare aperte molte perplessità. Infatti in quella che viene definita la risposta agli scandali sull’abuso di minori si finisce per fare di tutta un’erba un fascio e i reati di apostasia, ordinazione delle donne, eresia, scisma vengono messi insieme a quelli sull’abuso dei minori nel calderone della Normae de Gravioribus delicti. In sostanza abusare di minori o ordinare una donna, contro il diritto canonico, sono da considerare reati di pertinenza della Congregazione per la Dottrina delle Fede, insomma della stessa importanza. Non lascia meno perplessi che certi “delitti” vengano definiti “contro i costumi”…

Sentivamo la mancanza, obiettivamente, di queste sottili distinzioni.

Via Ireland Atheist

Annunci