Sembra che sul campo numero diciotto, dove era iniziato e si è concluso l’incontro più lungo in assoluto, non finiscano di accadere stranezze. E’ stata la volta di Hanescu, il quale si è reso protagonista di insulti reciprochi con il pubblico, sputi, litigi con l’arbitro e infie ha smesso di giocare nel quinto set dopo che il vantaggio di due set gli era stato recuperato dall’avversario (Brands). Poi sul finire della giornata sul campo arriva la polizia che arresta quattro persone per procurato disordine. Hanescu rischia un amulta di 10.000 sterline. Di belle e pessime ne sono successe in quel campo in pochi giorni, meno male che con è provvisto di palco reale.

Maggiori informazioni le trovate qui.

Annunci