I migliori anni della nostra vita sono quelli che ci voltiamo a guardare nel passato. Finisce 62 76 (75) con un numero di errori gratuiti veramente eccessivo da parte dello svizzero che si prende un perentorio 62 nel primo set per poi arrampicarsi al tie break ma senza riuscire a strappare il set allo spagnolo. Il Roland Garros, anche se lo svizzero avrà programmato la preparazione per l’ultima di maggio e la prima d giugno, non è un torneo che permette troppe leggerezze anche perché i tornei dello slam non è solo Federer che cerca di prepararli al meglio. Insomma staremo a vedere, ma forse non rimane che pregare.

Annunci