Inizia la stagione sulla terra rossa raggiungendo la finale nel torneo di Montecarlo, lo spagnolo. Ma soprattutto sembra aver ritrovato l’incisività del suo drittone uncinato che gli ha permesso, con le sue curve alla baseball, di superare l’ostacolo Ferrer. Sulla terra si trovano sempre le stesse fisionomie di anno in anno: Ferrero, Ferrer, i quasi omonimi. Nadal aspetta in finale il vincitore tra Djokovic e Verdasco. Il serbo sembra esseresi ripreso dopo un paio di anni mediocri che hanno seguito la vittoria allo Australian Open, ma Verdasco non è un tennista con cui ci si può permettere di giocari troppo rilassati e nel braccio di Nole potrebbero apparire gli antichi spettri di un movimento che spesso si è inceppato.

Annunci