Considerato che non si sente parlare nemmeno della parvenza di un programma si è  indotti ragionevolmente  a pensare che siamo in piena campagna elettorale, Quelle tipiche della seconda Repubblica Italiana, dove si parla di tutto (complotti, pressioni sull’Agcom, intercettazioni, incapacità nel presentare le liste, bombe, attentati) tranne di ciò che interessa ai cittadini, ovvero cosa e come i vincitori andranno a fare per migliorare la vita degli italiani.

Niente, è vero! Quindi è forse giusto che non se ne parli di questo nulla.

Annunci