Mowgli, il librodella giugnla
Mowgli, il libro della giungla

Quando si parla di tennis sembra che la destra diventi sinistra e la sinistra si sposti  molto a destra. Insomma Gaber direbbe che il gioco del tennis è indubbiamente di destra: ricchi, pochi, che girano il mondo con la spocchia nemmeno troppo celata e poi, perché no, anche po’ viziati. Figli di famiglie ricche che si sono potuti permettere di fare quello che volevano. La mortadella invece è indubbiamente di sinistra. Sì senza Rafa Nadal il tennis è un noia. Ma sopratutto pensate quanto ancora più noioso sarebbe stato il tennis degli ultimi cinque o sei anni senza lo spagnolo, che ai ragazzi deve ricordare Mowgli, il ragazzo de “Il libro della giungla”. Forse anche per questo è così popolare fra di loro. Federer avrebbe realizzato quattro “Grandi Slam”, sarebbe a quota venti o ventuno (se non di più) di tornei major vinti, e tutti sarebbero a osannare il messia che moltiplica le vittorie e le coppe come i pani e i pesci, cammina sui campi centrali come sulle acque e predica la santità, anche se probabilmente non se la prenderà mai con i mercanti del tempio. Qualcuno pensa che non ci siano?

Gesù scaccia i mercanti dal Tempio

Gesù entrò poi nel tempio e scacciò tutti quelli che vi trovò a comprare e a vendere; rovesciò i tavoli dei cambiavalute e le sedie dei venditori di colombe e disse loro: “La Scrittura dice: La mia casa sarà chiamata casa di preghiera ma voi ne fate una spelonca di ladri”.

Ubitennis – Serena Williams «Vinco per poter aiutare i deboli» (Martucci), Che noia senza Rafa (Rossi)

Oggi, senza Io spagnolo sulla sua strada, Io svizzero è tornato a giocare il suo tennis normale, più che sufficiente con ragazzini viziati come Murray, Del Potrò, DjokovicoTsonga.

Refusi « Wild Card

Annunci